[robo-gallery id=”4559″]

 

Quest’anno sono andati davvero di moda e li abbiamo visti portati davvero da tutti, soprattutto dalle ragazze, ma che origine hanno i tatuaggi mandala e che cosa significano?

Sicuramente il successo che ha portato tante ragazze a scegliere questo tatuaggio sta nell’estetica di questi motivi davvero accattivanti, ma i mandala possono avere anche dei significati molto profondi.

La storia dei mandala

Il mandala è un simbolo che appartiene alla cultura buddhista ed è un motivo per lo più geometrico, fatto di cerchi concentrici che rappresentano lo stadio originale dell’universo ed il suo flusso di continua evoluzione. Infatti, i monaci buddhisti sono soliti disegnare e colorare mandala fatti con la sabbia come metodo per praticare la meditazione e la loro origine è davvero antichissima.

Origini del termine e significato

Il termine mandala è composta dalla radice sanscrita “manda”, che significa essenza, e dal suffisso “la”, possedere. Mandala significa quindi possedere l’essenza. Ma il termine vuol dire anche più comunemente “cerchio”.

Rappresentando l’origine del mondo, il mandala ha un significato simile all’archetipo della ruota della vita, dell’uroboro e quindi del ciclo fatto di vita e morte. Simboleggia anche il destino come forza imprevedibile ma anche superamento degli ostacoli. Si può dire che è quindi un simbolo che cerca di attrarre dalle energie del cosmo l’utile ed il positivo.

La forma del mandala

Il tatuaggio mandala deve avere una forma circolare, a ricordare il significato del ciclo vitale fatto di vita e morte.
Un mandala triangolare rappresenta l’unione degli opposti, della natura femminile e quella maschile, ed il simbolo è vicino al concetto dello yin e dello yang cinese.

La forma quadrata del mandala è associata all’armonia, alla razionalità, virtù che l’uomo deve affinare per arrivare alla perfezione dello spirito.

I disegni vengono ideati in gruppi di cinque per raffigurare quattro punti che girano intorno ad un centro. I cinque punti sono ovviamente i cinque elementi che costituiscono la personalità dell’uomo o, nel buddhismo, i cinque Buddha che poi sono i cinque visi della divinità Shiva. La funzione estetica del tatuaggio mandala è quella di attirare l’occhio e la mente umana in modo da distrarla dai pensieri negativi, seguire così il flusso delle linee geometriche ed ipnotiche per arrivare ad un rilassamento mentale capace di scatenare la creatività.

Il significato cromatico e delle parti del corpo

Alcuni mandala sono più adatti a determinati periodi della vita ed un significato è dato anche ai colori del motivo: il nero è legato ai fatti negativi, mentre il bianco vuol simboleggiare segretezza o cambiamento; il rosso è passione e impazienza, il verde armonia, l’azzurro spiritualità.

Nella cultura orientale anche la parte del corpo che viene tatuata ha un significato. Generalmente infatti i mandala vengono tatuali dove è necessario attivare un determinato chakra, cioè un punto del corpo dal quale si origina una certa energia, il quale può essere bloccato e richiedere quindi lo sblocco.

Il mandala oggi

Oggi chi decide di tatuarsi una mandala, spesso rende originale il motivo tradizionale del mandala inserendo altri simboli ai quali attribuisce un significato particolare, in modo da personalizzarlo raccontando la sua storia personale oppure solo per ragioni estetiche. Spesso per esempio vengono estremizzate le linee geometriche oppure si trasformano in gioielli disegnati su pelle.